Carlo Zinelli, oltre l'arte brut

Fonte: letemps.ch | tradotto con Google Chrome

1 novembre 2019

Per la sua riapertura dopo le opere, la Collection of Art Brut propone una delle figure più famose dell'arte brut, in una mostra monografica di quasi 200 opere

Quando, nel 1967, Jean Dubuffet presentò una selezione della sua collezione d'arte al Museo delle Arti decorative di Parigi (quattro anni dopo nella città di Losanna), una ventina delle 700 opere furono di Carlo Zinelli (1916-1974). ). Nel 1963, il commissario svizzero Harald Szeemann espose le sue opere alla Kunsthalle di Berna. Questi due eventi mostrano che il lavoro dell'italiano è stato ampiamente riconosciuto durante la sua vita, il che non è così comune nell'arte brut. Una particolarità che può essere spiegata tanto dalla vita di Zinelli quanto dalla qualità del suo lavoro.

Internato permanentemente all'Ospedale San Giacomo di Verona dal 1947 a causa di disturbi schizofrenici acuti, Zinelli manifestò già nel 1955 veri e propri impulsi creativi. I supervisori lo trovano regolarmente incidere sulle pareti o disegnare motivi per terra. Due anni dopo, si godette l'apertura a San Giacomo di un laboratorio di espressione grafica, guidato dallo scultore scozzese Michael Noble. L'artista concepisce questo laboratorio come uno spazio di libertà per i pazienti. Alcuni materiali (pennelli, guazzo, carta, carbone, matite) vengono messi a loro disposizione, ma non viene imposto loro alcun ordine di lavoro.

Carlo Zinelli

Costellazione propizia

Zinelli diventa rapidamente un partecipante frequente al workshop, trascorrendo quasi otto ore al giorno a dipingere e disegnare. Nel 1959, Vittorino Andreoli, allora studente di medicina, si appassionò al lavoro di Carlo. Dopo la partenza di Noble, interpreta il ruolo di traghettatore del suo lavoro, in particolare con Dubuffet - che inizialmente dubiterà della spontaneità delle sue creazioni, ma alla fine ne acquisirà sessanta.

Essendo diventato uno psichiatra, Andreoli accompagna spesso Carlo durante le sue uscite. La porta anche qualche volta a vedere mostre d'arte moderna. Qui viene rapidamente raffigurata la "costellazione di buon auspicio", come caratterizzata da Anic Zanzi, curatore della mostra Recto verso , che consente a Carlo Zinelli di mantenere un rapporto privilegiato con l'arte, fino alla sua morte.

Inventiva formale

Al di là di questa storia di vita, la cui mostra traccia i contorni attraverso le fotografie di John Phillips, si può solo essere colpiti dall'inventiva formale del lavoro di Zinelli, che in qualche modo avvicina il suo lavoro agli esperimenti di avanguardie. Per un breve periodo, intorno al 1962, creò ad esempio fantastici collage da pacchetti di sigarette o involucri di gomma da masticare, che attacca al guazzo.

Pensiamo quindi al nuovo realismo e al movimento Fluxus. Alcuni dipinti della metà degli anni '60 tutor l'astrazione. Per quanto riguarda le sue opere tardive, sono composte in una stretta mescolanza di testi e disegni che evoca tanto alcune opere su carta dei futuristi italiani quanto gli esperimenti della poesia concreta contemporanea di Carlo.

Opere su due lati

È sempre difficile, tuttavia, riportare il lavoro di creatori grezzi nella storia marcata dell'arte moderna sulla base di analogie formali. Come ci Carlo Zinelliricorda Anic Zanzi, non sappiamo esattamente quali lavori sia stato in grado di scoprire durante le sue visite al museo con Andreoli. Pertanto, lo scopo della mostra non è quello di avvicinare le sue opere a quelle dei grandi maestri dell'arte moderna, ma più semplicemente di dispiegare le sue opere in ordine cronologico, per mostrare i cambiamenti nel tempo. Passiamo dai guazzi con colori scintillanti di inizi a composizioni più scure e semplificate, prima dei grandi disegni testuali e ipergrafici della fine.

Una delle "sfide" della mostra, spiega il curatore, era anche quella di rendere visibile attraverso la modalità di attaccamento quest'opera su entrambi i lati dei fogli di carta, così caratteristica delle opere di Zinelli. La seconda sala della mostra è quindi organizzata come un paesaggio nel cuore del quale si circola, un principio immersivo particolarmente onesto nei confronti di quest'opera piena di personaggi e scenette, dove a volte, nella ripetizione di alcuni motivi animali, il nostalgia di un passato pastorale. Il bellissimo catalogo che accompagna la mostra gli permette di contemplare fianco a fianco le due facce dei dipinti.

Questa frequente pratica a doppia faccia attesta il fatto che il suo lavoro è stato costruito in un vero volontarismo formale. In effetti, non è per mancanza di materiale, ma per scelta che ha lavorato così. Una volta terminate le sue composizioni e le sue pagine sature di disegni, Zinelli rifiutò, racconta ai testimoni, di prendere i fogli bianchi che gli erano stati consegnati: preferiva restituire il foglio e continuare sul retro. Un altro segno del fatto che era davvero un "vero artista", come lo chiamava Dino Buzzati in una targa espositiva dei primi anni '60.


"Carlo Zinelli, recto verso" , Collezione d'Arte Brut, Losanna, fino al 2 febbraio 2020.