Cercasi...disperatamente

Fonte: veronalive.it

20 ottobre 2020

Parafrasando il titolo di un film del 1985 “Cercasi Susan disperatamente” impresso nella memoria di molti proprio per quel grido d'aiuto preciso, inequivocabile, semplice e diretto, dopo aver ascoltato e letto la lettera, che il noto psichiatra veronese Vittorino Andreoli ha scritto su invito di Mario Spezia, presidente dell'Associazione “Il Carpino” non ho potuto che pensare al modo così libero, efficace ed autorevole che lo psichiatra ha usato nel perorare il progetto Fondo Alto Borago.

Molte associazioni e/o comitati avrebbero un bisogno “disperato” di personaggi che ne condividono gli obiettivi, mettendoci la faccia, o molto di più, come fatto in questo caso dallo psichiatra Vittorino Andreoli, quando ricorda che l'uomo è inserito nel mondo, inteso sia come comunità sociale ma anche come ambiente naturale, o come quando dichiara che gli è difficile immaginare un nemico quando la “lotta” è per la difesa di Val Borago.
Ma le argomentazioni disarmanti del noto psichiatra traspaiono anche quando scrive che “non sono stati dichiarati patrimoni dell'Umanità i filari di viti in sé né la loro numerosità, bensì l'insieme di un territorio fatto di elementi che la Natura ha donato e che l'uomo intelligente ha saputo evidenziare, non stravolgere”. O come quando il prof. Andreoli, da buon psichiatra afferma che vi sono "vignaioli" che amano il denaro più delle viti e del vino, che si "ubriacano" persino di denaro”.
La lettera a favore della campagna fondi per l'acquisizione del Fondo Alto Val Borago raggiunge l'apice quando ipotizza che il dottor Carlo Messina (amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, il più grande gruppo bancario italiano) “si rammaricherà” quando verrà a conoscenza del fatto che per recuperare cento-duecentomila euro la sua Banca correva il rischio di permettere di “'violentare' un frammento del territorio collinare dell'Amarone”.

Quanti progetti, quante petizioni, quante associazioni sommessamente gridano “Cercasi … disperatamente!


Copyright © 2015 - Vittorino Andreoli
vittorinoandreoli.it è una realizzazione Passport