Ma siamo matti

Ma Siamo MattiUn Paese sospeso fra normalità e follia

“Professore, so che lei è molto occupato, mi può dare il nome di uno psichiatra? Lo vorrei matto, preferibilmente.” Vittorino Andreoli, uno dei massimi esponenti della psichiatria contemporanea, i matti li frequenta da tanti anni. Quello che non gli era mai capitato prima era di considerare un popolo intero come paziente. Lo fa in queste pagine in cui affronta i mali del bel Paese, a cominciare dal masochismo che affligge il popolo italiano spingendolo a una distruttività di sé malcelata dietro una maschera esibizionista. Uno scintillio di falso benessere rincorso da chi, non potendo permettersi certi lussi, fa di tutto per ingannare se stesso e gli altri. Poi c’è la straordinaria fede nei miracoli che ci rende un popolo credulone e facilmente abbindolabile dal truffatore di turno. E infine una dose di individualismo spietato con un talento innato per la recita. Con ironia e lucidità, Ma siamo matti fornisce molti consigli utili per risvegliarci dal “mal d’essere” in cui ci hanno gettato la crisi e l’impoverimento generale. Ma è anche una dichiarazione d’amore per la propria terra. “Mi piacerebbe che questo libro diventasse il libro di un popolo” scrive Andreoli, “del popolo di cui sto per parlare sapendo che al contempo parlo di me stesso, perché senza questo popolo semplicemente non sarei. Perché è questa la mia terra, quella dell’Italia, e anche se dovesse essere sommersa dalle acque che la circondano, è una penisola che, comunque sia, io amo.”

„Vittorino Andreoli, Ma siamo matti. Un paese sospeso fra normalità e follia, pp. 267, Rizzoli editore 2015“

Copyright © 2015 - Vittorino Andreoli
vittorinoandreoli.it è una realizzazione Passport