Le sorgenti del sogno. Un viaggio nella psiche umana

«Mi considero un esploratore alla ricerca delle sorgenti del sogno». Così Vittorino Andreoli si avventura in un’impresa affascinante quanto stimolante: un viaggio alla scoperta delle origini di un’esperienza da sempre al centro delle riflessioni umane. Se fin dall’antichità la dimensione onirica ha sedotto e allo stesso tempo spaventato, come porta d’ingresso a una dimensione spirituale e misteriosa, con l’affermazione della psicoanalisi il sogno è diventato il mezzo fondamentale per accedere all’inconscio, rivelare le nostre pulsioni e scoprire i traumi subiti e celati.

Evidenziando ciò che lega il sogno alla memoria, al meccanismo difensivo dell’oblio e ai desideri, alla coscienza e al vissuto personale, l’autore ne fornisce un’interpretazione originale sulle tracce delle intuizioni di Freud ma indicandone gli errori o quanto delle sue teorie può ritenersi superato. Soprattutto, spiega lo psichiatra, non bisogna considerare quella tra mondo reale e mondo onirico una relazione a senso unico. L’esplorazione di Andreoli arriva infine a porsi una domanda fondamentale per il futuro dell’uomo: con il prevalere di un mondo virtuale globalizzato e di massa, corriamo il rischio che questo sommerga, o peggio cancelli, la funzione immaginativa del cervello?

 „Vittorino Andreoli, Le sorgenti del sogno. Un viaggio nella psiche umana, pp. 128, Marsilio, 2020“


Copyright © 2015 - Vittorino Andreoli
vittorinoandreoli.it è una realizzazione Passport