Dalla libertà alle dipendenze


TV2000

“In un momento in cui la società sembra assuefatta al consumo delle droghe – spiega Vittorino Andreoli – con questo programma si vuole riportare all’attenzione un problema che rimane una piaga per l’educazione delle nuove generazioni.
La società assolve irresponsabilmente con il silenzio un uso di sostanze che apparentemente attivano la mente fino a dare l’impressione di aiutare al successo, mentre sono solo illusorie, eccitano i sensi, ma diminuiscono la critica e la possibilità di fare progetti per il futuro”. Un tempo, infatti, la regina delle droghe era l’eroina, “oggi – prosegue il professore - è diventata la cocaina. Una sostanza, quest’ultima, che non è usata solo dai giovani, ma anche dai loro padri e sta diffondendosi persino nella terza età alla ricerca di un giovanilismo della mente e delle funzioni del corpo, un vero inquinante della società”.
Durante le puntate del programma si parlerà non solo delle dipendenze da droghe chimiche: alcool, cocaina e anfetamina, derivati dell’oppio, marijuana, farmaci psicotropi, ma anche di dipendenze non chimiche come internet, il gioco d’azzardo, il denaro, i sesso, lo shopping, il mondo delle sette.

Utilizzando il sito vittorinoandreoli.it, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.

Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito vittorinoandreoli.it. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito.